Pubblicato Il: Ven, Mar 11th, 2016

James Dean Auto Distrutta e Altre Foto Strane

Circa un anno fa abbiamo parlato delle strane foto scattate nel luogo dove James Dean ha trovato la morte del cadavere che sembra vivo e di qualcosa che non torna oggi troviamo in rete nuove foto per approfondire.

La prima foto che abbiamo ritrovato è proprio l’auto distrutta, la Porsche 550 di James Dean recuperata e ricoverata in un deposito nelle immediatezze dell’incidente.

Come si può notare a differenza delle altre foto rinvenute via web questa è molto nitida e mostra la vettura di James Dean, la Porsche 550 da lui denominata “Little Bastard” completamente distrutta, così come è stata rinvenuta sulla scena dell’incidente.

La stranezza di questa foto è il volante, secondo la ricostruzione ufficiale James Dean sarebbe morto in quanto scaraventato fuori dalla sua auto, cosa difficile da immaginare, per le dinamiche di ritrovamento del corpo, certificate poi con delle foto.

Ma la vera stranezza è che di tutta l’auto l’unica parte non danneggiata sarebbe proprio il volante, che ha dovuto sostenere uno stress enorme, come è possibile? La Porsche 550, come molte altre vetture dell’epoca montavano un volante sottile, che spesso consisteva in un sottile filamento di metallo rivestito, molto fragile, in genere all’impatto delle braccia tali volanti si piegavano. Quello di James Dean come si può vedere dalla foto è intatto, nonostante si sia scagliato su di lui il peso dell’intero corpo accelerato da una terribile forza cinetica.

Un mistero difficilissimo da spiegare alla luce dei fatti cosi come raccontati negli anni da chi ha ricostruito l’incidente.

Ecco invece sopra la dinamica dell’incidente di James Dean come ricostruita all’epoca. La Porsche 550 procede e viene colpita lateralmente all’altezza dell’incrocio dalla Ford, per poi concludere la sua corsa vicino lo steccato.

Ora se la velocità, come abbiamo già detto non era elevatissima, come è possibile che quell’auto, molto compatta e bassa si sia distrutta in tal modo? Il danno laterale è ben visibile nell’auto, ma qualcosa non torna, anche ammesso che la velocità di James Dean sia stata 200 km orari, in quel punto, per prima cosa l’auto non si sarebbe fermata in pochi metri, ma quantomeno avrebbe iniziato a ribaltarsi nelle immediatezze dello steccato, e poi avrebbe causato danni più gravi all’altra vettura dell’impatto, cosa che non è accaduta come si vede dalla foto che segue.

Come si vede, la Ford Custom Tudor coupé bianca e nera del 1950 ha un danno lieve, che è localizzato nella parte anteriore sinistra, sicuramente compatibile con le immagini, ma sicuramente non compatibile con i danni.

Ragionando in termini tecnici e dinamici le cose possono essere andate solo in due modi:

  • La Porsche 550 di James Dean ha seguito una dinamica molto simile a quella dell’incidente, ma la Ford Tudor quando l’ha toccata non era rivolta verso l’incrocio ma verso la Porsche, innescando cosi il danno sulla Ford e uno sbandamento della Porsche, che ad elevata velocità si è poi fermata sul ciglio della strada, ovviamente la cosa sarebbe però avvenuta molto prima dell’incrocio se la vettura di James Dean procedeva a velocità elevata, avrà pur avuto bisogno di strada per fermarsi o no?
  • Ipotesi numero due è che la Porsche sia stata toccata, ma a bassa velocità ed in maniera molto forte dalla Ford Tudor, non uno sfioramento, un urto sostenuto che abbia piegato in due la Porche facendo esaurire nell’impatto quasi tutta l’energia cinetica e facendo quindi fermare in maniera più rapida la vettura di James Dean sul ciglio della strada.

Sicuramente l’ipotesi numero due è quella più plausibile, quanto poi al danno limitato della Ford Tudor in questo caso è facile da spiegare in relazione alla robustezza dell’auto (la Ford Tudor), infatti quest’ultima è stata colpita in un punto molto robusto mentre la Porsche 550 di James Dean è stata colpita in un punto molto debole, lateralmente, che l’ha letteralmente piegata.

A questo punto c’è però da chiedersi perché la ricostruzione sarebbe volutamente errata? Noi possiamo ipotizzare le cose, ma in realtà restano ipotesi e come tali vanno prese benché forse compatibili con i fatti, la realtà è che chi stava in quel punto vedeva i segni delle frenate ed avrebbe potuto approfondire meglio la dinamica.

Ecco ora una nuova stranezza, l’auto di James Dean la Porsche 550 è stata usata negli anni a venire come monito in alcune mostre, per promuovere la sicurezza stradale, eccola sotto nella foto.

Ovviamente è stata ricomposta anche se in parte per renderla meno violenta all’impatto visivo, ma facilmente si può sempre notare il volante di cui parlavamo prima e una nuova stranezza, l’auto di James Dean aveva il volante a sinistra, ma nella prima foto che abbiamo inserito il volante sembra a destra. Ovviamente il volante è bello integro, nonostante tutto.

Guardando questo collage di foto trovate sempre via internet il volante torna a destra.

Sempre integro, come è mai possibile questo?

Ulteriore stranezza di questa foto è il faro dell’auto, quello sopravvissuto all’incidente, se notiamo bene è ancora li nel punto in cui dovrebbe essere, ma in tutte le altre foto il faro non c’è più è saltato via all’impatto.

Che esistano più Porsche 550 “Little Bastard”?

Possibile che qualcosa sia stato inventato o che chi ritiene sia stato un complotto per uccidere l’attore abbia ragione?

Visionando le varie foto esistono una immensità di stranezze, l’auto cambia sempre, in alcuni particolari, il volante è integro nonostante un impatto immenso, e continua a spostarsi. Alcune scritte come il numero di gara in alcune foto sono visibili ed in altre no, come è possibile che tali particolari cambiano su un auto distrutta e ferma?


Autore

- Redazione TopicNews.it - Le Tue News Online

Commenta l'articolo

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>