Pubblicato Il: Mer, Ott 25th, 2017

Ogni “Stato è Paese”! UE no al glifosato ma dal 2022!

25 Ottobre 2017, L’Europa ha detto no al glifosato, bandito in 5 anni, ma la decisione delude le aspettative delle associazioni italiane che chiedevano fortemente un fermo immediato.

Cosa è il glifosato è cancerogeno?

Il glifosato è una sostanza attiva utilizzata ampiamente nei pesticidi. La sua sintesi risale al 1950 e fu inizialmente commercializzato come diserbante per l’agricoltura. Inizialmente era impiegato prima della semina per liberare i campi dalle erbacce.

Il vero problema è la tossicità di questa sostanza. Secondo la IARC che ha condotto uno studio (La IARC è l’Agenzia Internazionale per la ricerca contro il cancro e fa parte dell’OMS), il glifosato è un “probabile” agente cancerogeno.

In realtà il glifosato è un “probabile” agente cancerogeno. “Probabile” solo perché, come ha spiegato il capo dello studio IARC«è più che possibile che sia cancerogeno, ma non ci sono abbastanza prove per sostenere che questa tesi».

L’Intervento dell’Europa sul glifosato

L’Europarlamento si è espresso oggi in merito alla questione e la decisione è stata quella di bandire la sostanza, ma a partire dal 2022.

Il principio di bandire una sostanza di cui non si hanno informazioni certe sull’essere o meno cancerogeno o tossico per l’uomo è di sicuro un atto assennato. Ma di fatto perché dal 2022? Significa che fino a tale data il suo utilizzo e quindi le concentrazioni che un uomo potrebbe indirettamente assumere non causeranno danni?

Nel mentre arrivano anche le pubblicazioni di uno studio californiano ha fatto emergere dati inquietanti riguardo a questa sostanza: la concentrazione di glifosato nel sangue, dei pazienti sottoposti al test, è aumentata di 13 volte dal ’93 al 2016.

 

Vota questo articolo

Autore

- Redazione TopicNews.it - Le Tue News Online

Commenta l'articolo

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>