Pubblicato Il: Gio, Ott 26th, 2017

Ematidrosi: il caso della ragazza che suda sangue

Ultimo Aggiornamento

Ematidrosi: malattia rara e quasi sconosciuta

Ematidrosi, questo il termine medico per quanto accade ad una ragazza di Firenze. Ci sono persone che avrebbero voluto gridare al miracolo, e altre che invece pensavano di assistere ad un film horror. La realtà è invece ben diversa e terribile, soprattutto per colei che da anni vive questa situazione difficile. La ragazza di Firenze suda veramente sangue. Oltre ad essere una malattia che le crea molto imbarazzo e difficoltà, rappresenta una patologia piuttosto seria.

L’Ematidrosi è una malattia rarissima. D questa si hanno cenni storici molto lontani, addirittura all’interno di alcuni scritti di Aristotele. Il fatto è che essendo una malattia molto rara, non ha nessuna cura per poter guarire chi ne è affetto, e se ne conoscono pochi dettagli. Le cure che si possono somministrare servono in qualche modo ad attenuare i sintomi, ma non possono eliminarli definitivamente. A scatenare questa reazione sembra essere una condizione di forte stress. La ragazza arriva a sudare sangue anche durante la notte mentre sta dormendo.

Sembra che, stando alle notizie pervenute dopo il suo arrivo in ospedale, la ragazza presentasse “sanguinamento dai palmi delle mani, dal viso e dalle braccia. Tutto questo senza mostrare alcun segno di lesioni sulla pelle.” Gli studi più recenti in merito, hanno realizzato una teoria su quali possono essere le motivazioni che portano il corpo a sudare sangue. Bisogna premettere che, come per il caso della ragazza di Firenze, l’Ematidrosi è correlata a situazioni di forte stress e pressione psicologica.

Lo studio sull’Ematidrosi è stato pubblicato sul Journal of Dermatolgy. Si sostiene che durante i momenti di forte stress e paura, le ghiandole sudoripare si trovino cinte dai vasi sanguigni.  Questi contraendosi provocano la sudorazione sanguinolenta. Nel 2015 qualcuno aveva fatto la supposizione che l’Ematidrosi potesse avere correlazione anche con l’epilessia.

Vota questo articolo

Commenta l'articolo

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>