Pubblicato Il: Gio, Ott 26th, 2017

Smog e traffico, è allarme furgoni nelle città italiane

Ultimo Aggiornamento

26 Ottobre 2017, Non è una battuta: il numero sempre crescente dei mezzi commerciali che circolano nelle grandi città, anche in Italia, rischia di provocare effetti negativi sul Pil e sull’economia. Lo spiegano gli esperti di McKinsey, che attribuiscono la responsabilità anche alla diffusione dell’eCommerce.

Le città hanno un problema con l’eCommerce? Finora si era parlato delle potenzialità e degli effetti positivi dello shopping online, divenuto ormai un’abitudine e non un semplice “fenomeno”: nell’ultimo anno, soltanto in Italia il fatturato complessivi degli acquisti digitali ha raggiunto i 23,6 miliardi di euro, con un incremento di 17 punti percentuali rispetto al 2016. Ma ci sono alcune conseguenze che non erano state valutate.

Troppi veicoli in giro. Guardando i numeri del traffico cittadino, infatti, si scopre che l’eCommerce sta congestionando i centri urbani di tutto il mondo, facendo parlare addirittura di “allarme”: in tutto il mondo, tra il 2006 e il 2014 il numero dei veicoli commerciali impiegati è passato da 250 a 330 milioni di unità, con un incremento del 32 per cento. Partendo da questi dati, gli esperti di McKinsey, uno dei big mondiali della consulenza, hanno cercato di rivelare l’impatto che tutto questo ha sull’economia.

Le conseguenze in città. Il traffico provoca effetti diretti sia sull’ambiente che sul sistema produttivo: in una città come Londra, ad esempio, i veicoli commerciali rappresentano una quota del 10 per cento del traffico su gomma, ma sono responsabili del 30 per cento delle emissioni di anidride carbonica e di ossido di azoto, mentre a Pechino pesano per il 15 per cento e generano addirittura il 70 per cento dell’inquinamento. E non va bene neppure l’aspetto economico, visto che la congestione dei centri urbani provoca una perdita tra il 2 e il 4 per cento del Pil.

Traffico in aumento. Insomma, in giro ci sono troppi mezzi commerciali, camion e furgoni destinati alla consegna di merci e soprattutto di pacchi: anche in Italia ne abbiamo un assaggio, con Poste Italiane (che gestisce circa la metà delle consegne legate alle vendite via Internet) che da sola arriverà entro fine anno a consegnare oltre 50 milioni di pacchi, contro i 41 milioni con cui ha chiuso il 2016. Come sintetizzano gli analisti di McKinsey, “le città sono il cuore dell’economia globale, e strade, binari e altre vie di comunicazione sono le arterie che nutrono questo cuore. Quando queste si intasano producono esiti molto gravi”.

Le possibili soluzioni. In termini più precisi, i costi sono a carico di imprese e residenti, e si trasformano in tempo che si perde negli ingorghi, in aumento del consumo di carburante e in un generale rallentamento delle attività economiche. Qualche soluzione c’è, per fortuna, e sono elencate sempre nel report: innanzitutto, si prevedono miglioramenti grazie all’utilizzo di droni, robot e veicoli terrestri a guida autonoma (ma serviranno anni per l’impiego su larga scala), e poi si possono ottimizzare ordini e modalità di consegna. 

L’alternativa del noleggio. Una soluzione pratica e “green” potrebbe arrivare anche dal noleggio e dai servizi correlati, che ormai si stanno sviluppando anche grazie al Web, come testimonia Giffi Noleggi con la sua piattaforma, uno dei primi esempi a livello nazionale. Sfruttando l’accesso “leggero” ai mezzi e strumenti come il noleggio furgoni a Roma le imprese possono rispondere a una serie di esigenze, come la possibilità di contare su macchinari sempre aggiornati ed efficienti, e allo stesso tempo limitare l’impatto atmosferico ed economico sul centro cittadino.

Vota questo articolo

Autore

- Classe 1993, sono una varesotta con tanti sogni e ambizioni nel cassetto, tra cui quello di diventare una blogger di successo. Seguo mode, tendenze e in particolare mi attraggono temi relativi a salute e benessere. Che altro aggiungere, poi, su di me: adoro viaggiare, ascoltare musica trip-hop e il mio cane Bristol. Spero di tenervi in buona compagnia con i miei articoli e i miei racconti :)

Commenta l'articolo

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>