Sonia Bruganelli, il dramma devastante: “Se non la operiamo muore”

Sonia Bruganelli ed il dramma devastante che è costretto praticamente ad attraversare: “Se non la operiamo muore”. Cosa sta accadendo.

Una situazione tutt’altro che semplice ha dovuto affrontare Sonia Bruganelli, compagna di Paolo Bonolis. Per loro diverse difficoltà nel passato, soprattutto quando sono arrivati i figli della coppia. Parliamo di due personaggi dello spettacolo noti al pubblico. Lei, bionda e dalla mentalità imprenditoriale, lui invece un divo della televisione italiana. Entrambi con un curriculum di tutto rispetto, con Sonia che ha iniziato posando per diversi fotoromanzi, arrivando poi in tv come valletta a Tira e Molla.

sonia bruganelli (web source)
sonia bruganelli (web source)

Negli ultimi tempi si diverte infine come opinionista del Grande Fratello Vip con Adriana Volpe e Alfonso Signorini. Ecco quindi che si è laureata in Scienze della Comunicazione, passando poi per il programma condotto proprio dal marito e occupandosi di fare la valletta per diversi spot. Bellezza e personalità senza tempo, con la loro unione ufficializzata solo dopo tempo. Non sono mancate però le difficoltà da affrontare nel corso degli anni.

Ecco cosa è accaduto

Una bellezza che non passa sicuramente inosservata per la stessa Sonia, la quale ha grandi programmi per il proprio futuro. Senza dimenticare che procede anche la carriera del proprio compagno, senza sosta fino alla conclusione dell’anno lavorativo. Si parla della SDL 2005, società che si occupa dei casting delle trasmissioni dal marito come Avanti un altro e Ciao Darwin.

Sonia ad esempio si occupa di scegliere Madre Natura mentre negli ultimi tempi si sta occupando di essere opinionista al Grande Fratello Vip, con Sonia Bruganelli costretta ad affrontare nel passato una situazione drammatica che riguarda proprio sua figlia. Il tutto raccontato attraverso un’intervista a Verissimo, programma condotto da Silvia Toffanin.

Una situazione spiacevole

figlia bruganelli (web source)
figlia bruganelli (web source)

All’ottavo mese di gravidanza, pur avendo fatto amniocentesi, morfologica, di tutto, ho scoperto che Silvia aveva una cardiopatia. Sai, avevo 27 anni, ormai ero all’ottavo mese, ero tranquilla, avevo cercato Silvia per un anno e mezzo, ero felicissima. Facciamo un’ecografia perché il ginecologo aveva sentito un ‘battito particolare’ e non entro nel dettaglio perché secondo me ci sono state tante omissioni… A un certo punto Paolo chiede ‘tutto ok?”: queste le parole di Sonia Bruganelli nell’introdurre la problematica.

“Appena nata deve essere operata al cuore perché se non la operiamo muore“: le parole del dottore che ha messo tutto in apprensione. Infine l’operazione che è stata svolta al meglio, andando tutto al meglio anche se la primogenita Silvia si è trovata ad affrontare le conseguenze.